Chiedono soldi per viaggi, per l’hotel, per vivere. Lui prova a replicare ma alla fine deve capitolare. È un Silvio Berlusconi intimidito e accondiscente quello che la mattina delle 20 giugno 2013  risponde al telefono. Dall’altra parte ci sono Alessandra Sorcinelli e Barbara Guerra, due delle Olgettine: secondo la procura di Milano che ha chiuso l’inchiesta battezzata Ruby ter, le due ragazze avrebbero ricevuto dall’ex cavaliere rispettivamente 237 mila euro e 235 mila euro. Denaro che il leader di Forza Italia avrebbe elargito tra l’ottobre 2011 e il marzo del 2015.

Ed è proprio per chiedere soldi che Guerra e Sorcinelli chiamano l’ex premier alle ore 10 e 06 del 20 giugno 2013: la telefonata viene intercettata dalla polizia giudiziaria su delega dei magistrati milanesi, e adesso è stata depositata agli atti dell’inchiesta Ruby ter, che vede indagate 34 persone, compreso lo stesso Berlusconi, individuato come il “corruttore” delle ragazze, pagate per negare l’esistenza di festini a luci rosse nelle serate di Arcore.

Ad esordire, come riportato da Repubblica e Corriere della Sera, è la Sorcinelli. “Perché Radaelli (Ivo, proprietario della villa da 800 mila euro dove le due ragazze vivono ndr) mi ha detto che non lo devo chiamare, anche alla Barbara”. Berlusconi prova a mettere le mani avanti: “Dunque sta a sentire: intanto ho firmato per Radelli un visto da 160 mila euro per gli arredi della casa di Barbara”. “No, ma cosa stai dicendo”.  “Non è casa mia quella”, dice la Guerra. L’ex premier replica: “Io adesso gli ho dato il benestare per darvi i soldi per andare in America“, dice riferendosi a Giuseppe Spinelli, il ragioniere che staccava gli assegni alle ragazze.  “E invece – replica Sorcinelli – Spinelli dice di no”. “Ma come no?”.

A questo punto interviene Barbara Guerra:”Silvio io sono stanca di essere presa per il culo! Sono Barbara, scusami il termine! Adesso sono veramente stanca”. Berlusconi prova a spiegare di avere già aperto il portafogli: “Ho fatto un assegno ieri di 160 mila euro per pagare i mobili della casa”. Guerra però sostiene di non avere visto un euro: “Ascolta non è casa mia quella, Silvio, sono in mezzo ad una strada ancora, dopo quattro anni di merda“. A quel punto l’ex cavaliere accetta di vederle: “Ci vediamo sabato ad Arcore, magari anche di mattina se preferite”.  “Ancora per raccontarci barzellette?”, risponde Guerra, mentre Sorcinelli fa notare che “il sabato però Spinelli non c’è, quindi siamo punto e a capo, guarda che noi veramente siamo…scusaci il termine, ma siamo nella merda questa volta, non possiamo neanche prelevare dai nostri conti”. A quel punto Berlusconi si arrende e chiede istruzioni: “Va bene allora cosa faccio?”. “Se puoi – risponde Sorcinelli – chiama subito Spinelli, noi torniamo o stasera o domani da lui. Così già possiamo andare in agenzia, già possiamo prendere i voli, l’hotel, tutte le cose, e avere e avere i soldi anche per vivere”. “Va bene- acconsente Berlusconi – allora chiamo oggi pomeriggio Spinelli“. “E gli dici del bonifico? Cinquanta e cinquanta?”. “Va bene, va bene”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, stupro 16enne: militare resta in carcere. Il gip: “Aveva pianificato tutto”

next
Articolo Successivo

Galan, Cassazione respinge ricorso contro patteggiamento. Chiesti “i servizi sociali”

next