Un neonato di due mesi è morto nell’ospedale di Ragusa dove era stato ricoverato dopo la somministrazione di un vaccino obbligatorio. L’episodio è avvenuto sabato scorso. La Procura ha aperto un’inchiesta e iscritto, come atto dovuto, alcune persone nel registro degli indagati. Gli avvisi di garanzia, firmati dal pm Valentina Botti, sono stati notificati da carabinieri di Ragusa per consentire l’autopsia che sarà eseguita oggi. Dopo la denuncia dei genitori sono state avviate le indagini dei carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Valentina Botti.

I militari dell’Arma hanno acquisito la cartella clinica del neonato ed hanno notificato alle parti interessate, oltre dieci persone tra personale dell’ospedale e dell’Asp di Ragusa, un avviso di conferimento d’incarico per l’autopsia, prevista per oggi.

L’inchiesta della Procura e le indagini dei carabinieri, si spiega in una nota, sono “mirate a stabilire con certezza le cause della morte del bimbo, al fine di far luce su eventuali responsabilità di colpa medica da parte dello staff dell’ospedale o del personale dell’Asp di Ragusa che ha provveduto alla somministrazione dei vaccini, cui apparentemente sembrerebbe essere stato conseguente il decesso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Slot machine manomesse per attirare i giovani”: a Torino sanzioni per 3,8 milioni

next
Articolo Successivo

Riot, parla l’autore del gioco contestato: “Non voglio fomentare rivolte”

next