E’ la norma che consente l’accesso ai data base pubblici, anche via web, a “chiunque, indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti”, nel rispetto della tutela dei dati personali. La commissione Affari costituzionali alla Camera ha approvato un emendamento al ddl delega per la pubblica amministrazione – firmato dai deputati Pd, Paolo Coppola e Anna Ascaniche introduce anche in Italia il Freedom of information act (il cosiddetto Foia).

La modifica, annunciata dalla ministra Marianna Madia, apre a “chiunque, indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti” l’accesso ai dati e ai documenti detenuti dalle Pubbliche amministrazioni, “nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati“. Dunque si potrà accedere agli archivi con una maggiore libertà e facilità, anche tramite internet. Nel futuro decreto legislativo, il governo dovrà favorire “forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche”.

L’emendamento – Il Foia (tradotto “atto per la libertà di informazione”) è una legge sulla libertà di informazione nata negli Stati Uniti nel 1966 e che più volte è stata annunciata anche nel nostro Paese. Con l’approvazione dell’emendamento, è riconosciuta la possibilità di spulciare nei faldoni, magari trasformati in dataset telematici, ma entro certi limiti, visto che l’apertura “ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni” dovrà avvenire “nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati”. Tutto ciò, si legge nella proposta di modifica, “al fine di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e – appunto – sull’utilizzo delle risorse pubbliche”.

Per far funzionare il meccanismo si prevedono anche “sanzioni a carico delle amministrazioni che non ottemperano alle disposizioni normative in materia di accesso”. In Italia si parla da tempo del Foia e prima dell’emendamento era stato depositato un apposito disegno di legge. Anche il governo si è espresso a favore del Foia, tanto da inserirlo nel Documento di economia e finanza (2015).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sicilia, Lucia Borsellino annuncia dimissioni: terzo caso in pochi giorni

next
Articolo Successivo

Genova, Doria si salva grazie all’Udc: approvata la delibera sulle partecipate

next