I consumatori, nonostante la multa da 5 milioni di euro inflitta a gennaio 2015 dall’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato agli operatori di telefonia mobile, sono ancora vittime del pagamento dei servizi premium addebitati – senza nessun avviso – sul loro abbonamento telefonico.

Per questo motivo, i consumatori hanno deciso di rivolgersi nuovamente all’Autorità garante che martedì 30 giugno, in un comunicato stampa, ha confermato che: “L’Antitrust ha aperto quattro procedimenti di inottemperanza nei confronti di Vodafone, Wind, Tim e H3G per la fornitura agli utenti della telefonia mobile di servizi a pagamento (cosiddetti premium) non richiesti o richiesti inconsapevolmente”.

Le nuove istruttorie aperte oggi, viene spiegato nella nota dell’Agcm, “dovranno concludersi entro 120 giorni dalla data di comunicazione, e l’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato deciderà sull’eventuale irrogazione di sanzioni pecuniarie, a norma dell’articolo 27, comma 12, del Codice del Consumo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roaming abolito da giugno 2017. Ora la palla passa ai big telefonici

next
Articolo Successivo

Buoni pasto, solo quelli elettronici salgono a 7 euro ma addio a spesa e cene

next