Il centrocampista della Juventus e della nazionale cilena Arturo Vidal è stato arrestato per guida in stato di ebrezza a Santiago, in Cile. Le autorità spiegano che il giocatore bianconero è stato fermato dopo essere stato coinvolto in un incidente stradale insieme alla moglie mentre era alla guida della sua Ferrari, a circa 25 chilometri dalla capitale, dove era in ritiro con la nazionale. Entrambi sono rimasti lievemente feriti. Nell’impatto con un altro veicolo, l’auto è stata distrutta e i due sono stati trasportati all’ospedale di Buin. Secondo alcuni testimoni, la coppia è riuscita a entrare con le proprie gambe nella struttura. Là il ‘guerriero’ è stato prelevato e trasportato in caserma dalla polizia. Il colonnello Ricardo Gonzales ha spiegato che le analisi del sangue hanno evidenziato che il tasso alcolico era oltre il limite consentito e ha dichiarato che il centrocampista “è in stato di fermo in attesa di giudizio”.

È stato poi trasportato al Tribunale di Garanzia di San Bernardo dove gli verranno ufficializzate le accuse: rischia da 541 giorni a tre anni di carcere. Ancora non si sanno le cause dell’incidente e il calciatore su Twitter si dice innocente. “Oggi ho avuto un incidente stradale, ma non è stata colpa mia, sto bene, la mia famiglia sta bene e grazie per tutto”, dice nel video pubblicato.

Vidal si trova in Cile per disputare la Coppa America, torneo della Conmebol, la federazione che raggruppa le nazionali del Sud America, che quest’anno si gioca proprio nel suo paese. Al momento la nazionale cilena è prima in classifica nel Gruppo A con 4 punti, ottenuti contro Ecuador (2-0 con i gol di Vidal e del ‘napoletano’ Vargas) e contro il Messico (3-3, reti tutte ‘italiane’: doppietta di Vidal e rete di Vargas). Proprio la selezione centroamericana non fa parte della Conmebol ma della Concacaf, Confederazione calcistica del Nord, Centro America e Caraibi, così come la Jamaica, invitate quest’anno per giocare la competizione. Inizialmente, al posto della Jamaica, la federazione sudamericana aveva invitato il Giappone e la Cina ma entrambe hanno rifiutato.  Il ‘guerriero’ è momentaneamente capocannoniere del torneo con 3 reti.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabio Capello non riesce più a vincere: Russia ko con l’Austria, ct rischia il posto

prev
Articolo Successivo

Calciomercato, a volte ritornano: oggi Tevez, ieri Milito, domani chissà. Quando il cuore e le origini battono i soldi

next