Nell’anno passato, proprio di questi tempi, Venezia era nei guai per il Mose che anziché ripararla dai guai stava travolgendo il sindaco Orsoni e Giancarlo Galan (e giusto ora siamo al ballottaggio per la successione). Quest’anno abbiamo “Mafia capitale”, col sindaco Marino che è vissuto come un masso nella scarpa dalla gran parte degli interessi locali di tipo “mafioso”, (ma, a costo di parere sempliciotti, forse basterebbe dire “clientelare”, che nella sua normalità ci pare anche peggio) e il presidente della Regione, Zingaretti che è diuturnamente impegnato a distinguersi dal cerchio tragico di alcuni immediati collaboratori. Cosa fare, si domandano in molti? Dare tempo a Sindaco, Presidente e Procuratore di disarticolare la rete che stringe Roma? Oppure ricorrere al lavacro elettorale, che però (sono i disagi della democrazia elettoralistica condita con le preferenze, come tuttora avviene per i consiglieri comunali), potrebbe convenire innanzitutto a quelli che senza sassi nelle scarpe riprenderebbero a correre come e meglio di prima?

Due stagioni, due scandali, l’ennesimo problema del Paese di tirarsi fuori da quel che è (stato?) per diventare più utile a se stesso. E aggiungete la sfida degli sbarchi, infittiti dalla buona stagione proprio come l’anno passato di questi giorni. Quanto freme la platea televisiva dinanzi a cotante sfide? Siamo a un nuovo 1992 televisivo? I segnali sono contradditori.

Ad esempio, con le stazioni di Roma e Milano dove vagano gli scampati ai naufragi, ci aspetteremmo che La Gabbia di Gianluigi Paragone desse il meglio e il peggio di sé. In effetti i collegamenti dalla stazione di Milano non erano quel condensato di finto stupore e vera ferocia che avremmo dato per scontato. Ottimo risultato col 4,86% di share, ma forse il deficit di canagliaggine non è convenuto perché nel corrispondente mercoledì dell’anno passato Paragone aveva conquistato addirittura il 6%. E dunque il sobbalzo rispetto ai risultati medi dell’anno potrebbe essere stagionale piuttosto che eccezionale.

In compenso il giorno prima la coppia di Giannini (7,55%) e Floris (6,46%) aveva, caso unico superato nella somma (13%) il dato (11,2%) del corrispondente Ballarò del 2014. Ma non facciamo in tempo a dedurne che l’attenzione del Paese sta crescendo insieme con l’allarme per le sorti dei democratici e degli onesti, che ci arriva la doccia fredda verificando che l’ascolto dei TG delle ore 20 (TG1, TG5, TG7) è diminuito dell’ 1,5% (cresciuto di mezzo punto il TG1, che conferma di essere in spolvero, in flessione dello 0,7% il TG5, in cedimento dell1,2% il TG7, che pure è quello concepito per cogliere i momenti più fremebondi di attenzione alla politica). Aggiungete che anche Lilly Gruber (-1%) risente dello scivolamento della fascia che la precede.

Così, salvo errori od omissioni, comincia a radicarsi il sospetto che tutta questa emergenza il pubblico non la sente propria e che la consideri, anzi, un po’ come la scoperta dell’acqua bollente. Che si sa che esiste, ma che fa notizia solo per chi ci cade dentro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Netflix e l’offerta delle serie in streaming. Con buona pace della tv generalista

prev
Articolo Successivo

Sciò business: l’estate scopre la pochezza della produzione (non solo Rai)

next