Le buche stradali non sono una prerogativa solo italiana: Jaguar Land Rover sta conducendo nel Regno Unito lo sviluppo di una tecnologia chiamata “Pothole Alert” (leggeralmente, “avviso di buca”) che un giorno potrebbe permettere ai veicoli di rilevare profondità e posizione delle buche e di condividere in tempo reale l’informazione con gli altri veicoli e con gli enti responsabili della manutenzione, come già sta avvenendo in fase sperimentale con il Comune di Coventry. “Le Range Rover Evoque e Discovery Sport con sospensioni MagneRide montano speciali sensori che permettono di tracciare la superficie stradale sotto le ruote, rilevando buche, tombini sporgenti o danneggiati e altro”, dice Mike Bell, responsabile globale delle “connected car” di JLR. “Monitorando il movimento e le variazioni in altezza delle sospensioni, il veicolo può regolarle senza soluzione di continuità, migliorando il comfort di viaggio su strade irregolari o dissestate. Oltre a garantire un maggiore comfort, noi riteniamo che il sistema offra l’opportunità di trasformare le informazioni dei sensori in Big Data da condividere anche a vantaggio degli altri automobilisti. Si potrebbero così prevenire costosi danni ai veicoli e rendere le riparazioni stradali più efficaci”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renault, a Buenos Aires svela un piccolo pick-up su base Dacia Duster

next
Articolo Successivo

24 Ore Le Mans 2015, la Porsche vince e interrompe il dominio Audi

next