“Ma non vi vergognate? Abbiamo sudato e faticato per costruire tutto questo e voi ce lo rubate?”. È diventato virale il video (pubblicato sul canale Youtube Coordinamento No Elettrodotto #nontoccatelanostraterra) con cui una donna di Orsogna (Abruzzo) i oppone agli espropri di Terna. L’azienda elettrica sta cominciando gli espropri dei terreni per realizzare l’elettrodotto Villanova-Gissi. Una volta arrivati in contrada San Berardino hanno trovato la proprietaria delll’autolavaggio, Floriana Panaccio, che si è opposta duramente. Una “risposta local alla globalizzazione scriteriata e senza sentimenti“. Ma la protesta non ferma l’opera di Terna. Fino a metà luglio saranno eseguiti 19 interventi nei comuni di Filetto, Orsogna, Lanciano, Guardiagrele e Cepagatti. “Il video della donna è l’emblema di cosa sta avvenendo nella nostra regione”, denuncia il Forum abruzzese dell’Acqua. “Opere da centinaia di milioni di euro imposte dall’alto senza alcun consenso tra la popolazione e, soprattutto, del tutto prive di analisi sulla reale utilità. Spesso i documenti evidenziano la totale assenza di vantaggi per la popolazione e di motivazioni logiche alla base di queste scelte”  collaborazione di Maurizio di Fazio 

 

 

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rete Natura 2000, fermiamo l’attacco alla biodiversità

next
Articolo Successivo

Ecofuturo, la rivoluzione del buonsenso (e delle ecotecnologie)

next