Giancarlo Galan torna in parlamento. Dopo aver patteggiato una pena di 2 anni e 10 mesi per corruzione nell’inchiesta Mose, il deputato forzista annuncia di essere pronto a rientrare alla Camera il 15 luglio prossimo, una volta scontati i domiciliari. “Vedremo”, si limita a dire la presidente della Camera Laura Boldrini. “I cittadini devono indignarsi, è scandaloso, non ha mai avuto la decenza di dimettersi, ha preso diaria e indennità”, dice Alessandro Di Battista del M5s, ricordando che Galan non ha mai lasciato la carica di presidente della commissione Cultura, e aggiunge: “Ma faremo opposizione, rimpiangerà i domiciliari”. “La legge glielo consente, noi abbiamo regole più stringenti nel nostro partito, uno come Galan sarebbe sospeso dal Pd, non farebbe il dirigente di Forza Italia”, dice Matteo Orfini. “E’ una valutazione di opportunità politica ma è in linea con le leggi, io ho contestato la sua scelta di restare presidente di Commissione durante gli arresti domiciliari – dichiara il compagno di partito Ignazio Abrignani – le regole sono queste quando cambieranno si vedrà” di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia capitale, i 7 incontri Dell’Utri-Mokbel. E il baciamano al “Localino”

prev
Articolo Successivo

Crollo al liceo Darwin, due milioni di risarcimento alla famiglia di Vito Scafidi

next