I Popolari per l’Italia lasciano la maggioranza di governo. Niente paura, la forza di questa decisione non è tale da aprire una crisi nell’esecutivo guidato da Matteo Renzi. Sulla carta gli scissionisti ex Scelta Civica sono 3 al Senato e alla Camera. Ma uno dei senatori ha già annunciato che rinuncia all’esperienza nel mini-partito per tenersi il posto da sottosegretario. Ad ogni modo se a Montecitorio la maggioranza è molto ampia, come al solito i numeri che ballano sono proprio a Palazzo Madama. Qui il governo ha una decina di voti di margine. Da oggi, senza i Popolari per l’Italia, Renzi potrà così contare su 174 sì (su 161): i 36 del Nuovo Centrodestra, i 113 del Partito Democratico, i 19 del gruppo Autonomie (Svp, Patt, Union Valdotaine e Upt, oltre ad alcuni senatori a vita) e 5 del gruppo misto, Sandro Bondi, Benedetto Della Vedova, Salvatore Margiotta (ex Pd, uscito dal gruppo dopo una condanna), Mario Monti e Manuela Repetti

Chi fa parte del gruppo dei Popolari? Al Senato sono Mario Mauro (ex Forza Italia, ex montiano, guida del partitino), Tito Di Maggio (da sempre scatenato contro Renzi e infatti si è iscritto al nuovo gruppo dei fittiani) e Angela D’Onghia. Ma subito dopo l’annuncio di Mauro (“Riforme non condivise e esaltazione del monocolore dell’esecutivo”) il gruppo che già si trovava all’interno del frittatone Gal (Grandi Autonomie e Libertà) si è scisso in tre: tre senatori, tre direzioni. Mauro, infatti, resta nel Gal e passa all’opposizione. Sempre opposizione è, ma passa al gruppo nascente dei fittiani Di Maggio. La D’Onghia, invece, è sottosegretaria all’Istruzione e – in tempo zero – e ha deciso di abbandonare il partito mignon e restare in maggioranza “per il bene del Paese”. Lo stesso farà Domenico Rossi, ex generale ora sottosegretario alla Difesa. Rossi è uno dei deputati popolari. L’altro è Mario Caruso.

Tutto questo che sembra solo un gioco di sedie e nomi in realtà ha un peso politico sulla sorte del disegno di legge sulle riforme istituzionali e del ddl Buona Scuola che proprio al Senato devono arrivare nelle prossime settimane. Qui il problema non è tanto dovuto all’ampiezza variabile della maggioranza, quanto alla battaglia annunciata da settimane dalla minoranza Pd e in queste ore anche dal Nuovo Centrodestra che intende rompere la serenità della maggioranza per spingere i democratici a modificare l’Italicum, peraltro già approvato definitivamente.

Mentre i centristi ex montiani si disperdono nell’aria le dinamiche nel centrodestra fanno registrare movimenti diversi. Per esempio al Senato è nato ufficialmente il gruppo dei Conservatori-Riformisti, cioè quelli che finora sono stati chiamati “fittiani”. La capogruppo sarà Cinzia Bonfrisco e con lei ci sono Bruni, D’Ambrosio Lettieri, Di Maggio, Falanga, Liuzzi, Eva Longo, Milo, Pagnoncelli, Perrone, Tarquinio, Zizza. 

Ma dall’altra parte Renzi – secondo alcune fonti parlamentari – può tirare un sospiro di sollievo perché – a prescindere da tutte le smentite – Denis Verdini sembra pronto a mettere insieme un gruppo che potrebbe arrivare in soccorso del governo. I nuovi responsabili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, M5S: ‘Sposteremo uffici parlamentari in case che rischiano l’esproprio’

next
Articolo Successivo

Agrigento, furono travolti da Gettonopoli: ora sono 8 i consiglieri comunali rieletti

next