Slot machine bolzanoE’ sotto gli occhi di tutti, anche io ci avevo posto attenzione, ma senza capirne le ragioni profonde. Fino a quando mi è capitato sotto mano un libro sconvolgente, spietato, un romanzo di paurosa bellezza. ‘Slot, diario di un inferno, l’autore è Massimiliano Giovanetti, un mio amico. Mi aveva colpito perché c’era la prefazione di Gigi Proietti.

Le slot affollano il paesaggio metropolitano. Bar e tabacchi somministrano consumazioni d’azzardo, giochi che tali non sono. Perché il gioco implica condivisione con l’altro, socialità, anche nella competizione; invece i giochi di Stato, slot machine sopra tutti, amplificano la solitudine di chi non può o non sa condividere altro che una illusoria fantasia di ricchezza. Dare una svolta ad una vita insoddisfacente. Attenti in qualche modo ci riguarda tutti!

Perché il denaro ha smarrito la sua funzione, trasformandosi da strumento ad unico fine. I vecchi cinema dismessi si sono trasformati in sale bingo, slot e videolottery. Luoghi demoniaci che si moltiplicano ovunque, botteghe di scommesse libere di lucrare sulle debolezze della gente. Ormai centinaia di migliaia di persone, donne e uomini, di ogni età, ceto, professione e livello culturale, cadono più o meno consapevolmente in una dipendenza patologica da cui è difficilissimo uscire.

E’ la droga contemporanea, lo stupefacente legale di tutti.

Intanto il cosiddetto Stato ci banchetta alla grande, in allegra compagnia, con criminalità più o meno organizzate. E le persone si ammalano, entrano in un vortice che le rende schiave e incapaci di controllo. Dilapidano denaro, tempo, talento ed affetti, perché anche le famiglie vengono risucchiate nel gorgo. E’ una realtà desolante e distruttiva, un’epidemia che ha distrutto vite e continua mietere vittime, un male da cui si può e si deve guarire. Lo racconta bene Massimiliano Giovanetti attraverso il personaggio del suo libro. Leggetelo e rifletteteci. Specialmente se il fatto vi riguarda da vicino.

La casa editrice è Edigrafema. Come tante cose belle è fuori dalla grande distribuzione, per cui lo potete trovare su internet.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lobby arcobaleno: in Italia esistono eccome

next
Articolo Successivo

‘Nidi violati’: quando la violenza dei familiari sui minori non c’è

next