Tempo di elezioni. In Lombardia si vota in diversi Comuni. Anche a Seregno, Brianza ricca, operosa e terra di ’ndrangheta. Qui, boss e comprimari fanno affari e intrecciano relazioni con la Pubblica amministrazione. Capita, naturalmente, anche il contrario. Politica e ’ndrangheta in vista del voto. Con la benedizione di Silvio Berlusconi che domani sarà proprio a Seregno per tirare la volata al candidato di Forza Italia, nella cui lista compare un politico che ha avuto più di qualche rapporto con i clan.

Ecco, allora, i fatti. Giacinto Mariani, casacca leghista è sindaco uscente e ricandidato. Contro lui ci prova Forza Italia che in lista, al quinto posto, mette il consigliere uscente Francesco Gioffrè. Il nome di Gioffrè compare in uno dei filoni successivi all’inchiesta Infinito. Si tratta dell’indagine Ulisse del 2012. Al vaglio il solito carnet di reati: associazione mafiosa, armi, estorsioni. Copione lombardo dentro al quale cresce la storia del fratello di Francesco. Roberto Gioffrè fa l’imprenditore e si butta nella gestione di un locale notturno. Si tratta del Casinò Royal Texas Holden di Paina di Giussano. Gioffrè entra e dall’ex proprietario rileva dei crediti da esigere. Chi deve pagare non tira fuori i soldi. E glielo fa capire in modo brusco. Gioffrè parla con Rocco Cristello, ritenuto affiliato alla “locale” di Mariano Comense.

Cristello prende le parti del debitore. Esordisce con Gioffrè: “Tu sei un pezzo di merda”. Tradotto: il debito non s’ha da pagare. Gioffrè mette a verbale e racconta di una violenta aggressione subita. “Alla mia opposizione verbale fui aggredito a calci e pugni da quasi tutti i commensali”. Alla scena assiste anche il fratello Francesco il quale, sentito a verbale, “ha tentato in ogni modo di minimizzare la portata dei fatti giungendo quasi a prendere le difese dei Cristello sino al punto di dirsi estremamente stupito nell’apprendere la notizia del loro arresto del luglio del 2010”. Da qui il ragionamento fatto dal giudice di Milano nell’ordinanza dell’operazione Ulisse.

Il nome di Gioffrè compare in uno dei filoni successivi all’inchiesta Infinito. Si tratta dell’indagine Ulisse del 2012

“Con riferimento all’episodio del 29 ottobre 2009 inoltre, le sue dichiarazioni sono in netto contrasto con quelle del fratello Roberto, in quanto egli pur ammettendo la circostanza dell’incontro, nega recisamente che vi sia stato da parte dei protagonisti dello stesso alcun ricorso a metodi violenti”. Da qui la definizione di “fratello opaco e voce fuori dal coro”, il quale va oltre è afferma di “conoscere i fratelli Rocco e Francesco Cristello”. Non solo, svela di averli aiutati “per una pratica presso il Comune nel quale egli stesso è consigliere comunale”. Da qui la valutazione della sua condotta “vicina alla connivenza”. Francesco Gioffrè non è mai stato indagato. Oggi si ricandida, nonostante quell’imbarazzante ammissione di conoscenza, e lo fa sotto l’ala protettrice addirittura di Silvio Berlusconi.

E del resto l’ombra di qualche frequentazione discutibile si allunga sullo stesso sindaco uscente, anche lui mai nemmeno sfiorato da indagini. Nel 2014, infatti, Mariani per la sua candidatura alle Europee gira una parte del suo spot elettorale nella panetteria di Antonino Tripodi, il quale nell’inchiesta Infinito viene inserito dai pm all’interno della “locale” di Desio. Indagato per associazione mafiosa, sarà condannato, invece, per reati minori. Il nome di Tripodi (solo citato e non indagato) compare anche nell’ultima inchiesta della Squadra mobile sul boss Giuseppe Pensabene. Davanti a un tale inciampo politico, il sindaco Mariani, intervistato da un giornalista, risponde: “La famiglia Tripodi è una famiglia di Seregno come tutte le altre”.

Da Il Fatto Quotidiano del 24 maggio 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni Regionali 2015: Campania, De Luca le cambiali, lo spoil system e il partito dei senza partiti

prev
Articolo Successivo

Elezioni comunali 2015, Seregno: in Brianza campagna elettorale di Fi nel bar dell’armiere dei boss. Ora il ballottaggio

next