Anche a Genova, per la seconda volta in poco più di due mesi, Matteo Salvini viene accolto dalle proteste. Circa duecento antagonisti sono stati respinti dalla polizia, dopo che un gruppo era riuscito a superare un cordone e a lanciare bombe carta e fumogeni vicino al palco da dove parlava il leader della Lega Nord. Che, nonostante i tafferugli, ha proseguito il suo comizio in Largo Pertini.

“Questi sono dei poveretti. La risposta la devono dare i liguri domenica. Questa non è democrazia. Carabinieri e polizia non dovrebbero essere qui ma in giro ad acciuffare spacciatori”, ha detto Salvini riferendosi agli antagonisti che nel frattempo avevano iniziato un contro-comizio a pochi metri di distanza, in piazza De Ferrari, vicino a Palazzo Ducale. “Il compito delle forze dell’ordine – ha proseguito – non è quello di tenere a bada 50 disadattati che non conoscono il concetto di rispetto e democrazia“. 

Salvini era già stato contestato nel capoluogo ligure a marzo in occasione del lancio della candidatura di Rixi alla presidenza della Regione, e nelle scorse settimane è stato accolto dalle proteste in Sicilia e in Toscana, fino a Segrate e Bologna.

I momenti di tensione di oggi si sono verificati in piazza De Ferrari quando alcuni dei manifestanti – che scandivano slogan come “fuori i razzisti dalle città” – sono riusciti a infiltrarsi tra la folla, lanciando oggetti e fumogeni in direzione del palco. Sono volati schiaffi e pugni con alcune persone che assistevano all’intervento del leader della Lega, arrivato sul posto poco prima delle 19. Sul palco con lui sono saliti, tra gli altri, il consigliere regionale della Lega Nord Rixi, la segretaria regionale del Carroccio Sonia Viale, il candidato alla presidenza della Regione Liguria Giovanni Toti, l’ex ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedofili, prete in cella in Sardegna. False bombe e minacce al vescovo: ‘Ha coperto’

prev
Articolo Successivo

Omicidio a Milano, l’accusa chiede 30 anni per il boss Rocco Papalia

next