Gli organizzatori si aspettavano 4mila persone e 200 cani (così recitavano i comunicati stampa) che, avvolti nel tricolore, avrebbero sfilato per le strade della periferia est di Roma (a Ponte di Nona) per la manifestazione: ‘La brava gente in piazza contro i rom’, invece in corteo hanno sfilato in circa 200. “La partecipazione è stata scarsa – dice Franco Pirina dell’associazione Caop che ha organizzato la protesta – forse per il tempo o per lo spostamento del derby (cosa c’entrerà mai il derby?). Alla fine abbiamo dovuto rinunciare a sfilare con i nostri amici a quattro zampe dopo che i veterinari lo hanno sconsigliato perché molti di loro sono stati salvati dai campi rom e quindi – continua – sono ancora emotivamente provati”. “Io farei dei campeggi per rom e far pagare tutte le utenze, altrimenti – afferma una signora – la soluzione sono le carceri e le gabbie, sono ladri, già da piccoli”. “Hanno più diritti di noi – aggiunge un’altra – sono dei privilegiati: hanno gli asili e in ospedale hanno la precedenza. Sono degli esseri incivili” di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Virus Ebola, la procura Sassari apre un’inchiesta sulle misure anticontagio

next
Articolo Successivo

Venezia, turisti bloccati nell’ovovia da 2 milioni del ponte di Calatrava

next