A Torino, città custode della Sacra Sindone, da qualche tempo “lavora” un ragazzo che travestito da Gesù si aggira per le vie declamando parabole, dispensando abbracci e facendo selfie coi turisti. Con sè porta una cesta per raccogliere le offerte.

Questa sua attività ha però destato l’attenzione delle forze dell’ordine, come racconta lo stesso “finto Gesù” nella sua pagina Facebook “Jesus in Turin“:

“E’ il sesto giorno a Torino.
Mi trovo vicino al Duomo, abbraccio persone gratis.
La polizia mi controlla per la terza volta.
“Alcuni fedeli si sono lamentati” dicono “Noi dobbiamo intervenire capisci? Fai il bravo e stai lontano da questa zona… Eri già stato avvertito.”
“Ma quale legge sto violando?
“Quella del buon senso.”
“Ma non c’è buon senso in tutto ciò. Se vuoi posso abbracciarti”
“Se vuoi ti porto in questura.”
“Va bene.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco ai vescovi: “Nessuna timidezza nel denunciare la corruzione”

prev
Articolo Successivo

Erri De Luca querela Viale. Il sabotaggio del Tav divide gli ex di Lotta continua

next