Le elezioni amministrative in Sicilia si avvicinano e Matteo Salvini lancia la sua Opa sulla vecchia “terronia” bossiana con il cartello elettorale “Noi con Salvini”. Il segretario della Lega ha toccato Gela, Marsala e Agrigento per racimolare consensi grazie a una politica aggressiva contro l’immigrazione clandestina e il Nuovo Centrodestra, ma non tutto è andato liscio: anche se ha raccolto applausi fra i sostenitori, le contestazioni sono state accese: “Prima il nord? Hai sbagliato posto”; “Letame”; “Lega ladrona la Sicilia non perdona” sono solo alcuni dei cori che hanno salutato il tour di Salvini. Lui, imperterrito, ha proseguito anche per sostenere il primo candidato leghista nella storia di Agrigento, Marco Marcolin. Il racconto di Giuseppe Borello e Walter Molino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Renzoni: “I numeri del Pd di Renzi sono inferiori a quelli della Ditta Bersani”

prev
Articolo Successivo

M5S Assemini, accusano conflitto interessi staff sindaco: Grillo le sospende

next