Sono 13, tra parenti stretti, medici, operatori sanitari e tecnici di laboratorio della Asl, le persone messe in isolamento precauzionale a Sassari per via di Ebola. Tutti gli individui sono venuti a contatto con il cooperante di 37 anni risultato positivo al virus, le cui condizioni sono stazionarie con parametri vitali stabili. L’uomo era stato inizialmente ricoverato in Sardegna, per poi essere trasferito allo Spallanzani di Roma con un volo dell’Aeronautica militare. A Sassari, intanto, si è tenuto un vertice in prefettura, presieduto dal prefetto Salvatore Mulas, con l’Assessore regionale della Sanità, Luigi Arru, i vertici delle Asl 1 di Sassari e dell’Azienda Ospedaliero Universitaria e del 118 per fare il punto della situazione ed esaminare eventuali provvedimenti.

Il cooperante risultato positivo a Ebola è un infermiere di Emergency. Prestava servizio nel Centro di cura dei malati di Ebola in Sierra Leone dal 15 febbraio. È arrivato in Sardegna il 7 maggio e appena si sono manifestati i sintomi è stato posto in isolamento, ma era già  entrato in contatto con alcune persone. Inizialmente l’uomo era in buone condizioni, poi sono  leggermente peggiorate. L’infermiere di Emergency è il secondo italiano ad aver contratto Ebola, dopo Fabrizio Pulvirentiun medico, anche lui di Emergency, che si è ammalato lo scorso novembre e che è stato curato nello stesso ospedale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Assalto portavalori sull’A14, rapinatori messi in fuga dalla polizia

next
Articolo Successivo

Incendio Fiumicino, 5 indagati. Guasto di un radar: traffico aereo rallentato

next