Il pugile statunitense Floyd Mayweather ha cambiato idea e non vuole più concedere una nuova sfida a Manny Pacquiao, il pugile filippino battuto in quella che è stata definita “la sfida del secolo”. “È un perdente e un codardo“, ha detto Mayweather, campione imbattuto dei pesi welter, in un’intervista a Showtime che andrà in onda sabato 9 maggio e di cui è stato reso noto un estratto.

Mayweather ha negato che l’infortunio alla spalla destra di Pacquiao – per il quale è stato operato con prognosi di 9-12 mesi – abbia influenzato la sua performance nell’incontro più ricco della storia della boxe, in cui il filippino ha dato meno colpi del solito. Pacquiao ha infatti sostenuto che nella terza ripresa ha sentito il riacutizzarsi dell’infortunio alla spalla subito due settimane e mezzo prima. “Scuse, scuse, scuse – ha commentato Mayweather -, è stato veloce, la mano sinistra è stata veloce, la destra è stata veloce, ha lanciato i pugni con entrambe le mani con forza e velocità”. Dopo l’incontro Mayweather aveva detto che sarebbe stato disposto a concedere la rivincita a Pacquiao entro un anno, tempo stimato per il completo recupero del filippino, ma ora ha deciso di fare dietrofront: “Ho cambiato idea. In questo momento non voglio, perché è un perdente e un vigliacco. Se perdi, devi accettarlo e dire ‘Mayweather, sei stato il migliore'”. E ha aggiunto: “Ha perso, sa che ha perso, ha perso il rispetto che avevo per lui dopo tutto questo”.

Il pugile statunitense smentisce così in parte anche l’attacco che Mike Tyson aveva rivolto a lui e a Pacquaio, definendoli “uomini d’affari” perché si erano fatti fotografare insieme prima del match. “Sembrava che fossero non in una chiesa, ma in una biblioteca – aveva detto dei due l’ex campione dei pesi massimi e leggenda della boxe -, forse io sono un uomo di Neanderthal, ma ho sempre voluto uccidere il mio avversario“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giro d’Italia 2015 al via, il favorito è Contador. Fabio Aru la speranza azzurra

next
Articolo Successivo

Juventus – Real Madrid: coesione di squadra vs qualità tecniche dei fuoriclasse

next