“Cantiere all’italiana”. Questo il titolo di un lungo articolo che Le Monde.fr consacra all’Esposizione Universale di Milano e ai ritardi nella realizzazione dell’opera. Nel lungo articolo, il sito internet del quotidiano Le Monde parla anche dell’annullamento della visita prevista per la stampa. Motivo? “Consentire ai novemila operai presenti sul sito di lavorare 24 ore su 24, fino all’ultimo secondo dell’ultimo giorno” prima dell’inaugurazione. Mentre “i responsabili del padiglione francese, sono tuttavia riusciti ad organizzare una visita in extremis, mercoledì 20 aprile, per i media transalpini”.

“Nel 2015, l’Expo lascerà in eredità solo il padiglione italiano, il solo che rimarrà sul posto. E anche l’autorità nazionale anticorruzione, ormai molto agguerrita. Potrà sempre rivelarsi utile”, scrive ancora Le Monde.fr, sottolineando che Roma, come Parigi, “è candidata ai Giochi Olimpici del 2012. Nella versione cartacea del quotidiano parigino, un altro articolo consacrato a Expo 2015 sembra essere più conciliante. “È una sfida immensa”, scrive Le Monde, riferendosi al tema ‘Nutrire il pianeta’.

Di Expo parla anche il quotidiano Le Figaro. Per il giornale, l’esposizione universale di Milano “dà prova di una certa umiltà”. E il visitatore “ha molto da imparare sullo sviluppo sostenibile e i mezzi per evitare la fame nei tre quarti del globo quando saremo nove miliardi nel 2050. L’appuntamento  sottolinea il quotidiano – dunque non è soltanto utile, è vitale. Nel frattempo, gli organizzatori stimano la creazione di 70.000 posti di lavoro e pensano che la redditività delle aziende locali aumenterà del 10%. Speriamo che la Francia porterà tali questioni con la candidatura all’esposizione universale del 2025″.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Expo 2015, bloccato sistema di emissione dei biglietti per entrare nel sito Rho-Fiera

prev
Articolo Successivo

Expo 2015 si apre ufficialmente con il concerto di Bocelli in piazza Duomo

next