Fare il giro dell’isolato non è propriamente una prova su strada. Ma guidare un’auto a idrogeno, anche se per pochi minuti intorno al Javitz Center sede del Salone di New York, è comunque un’esperienza interessante. Non solo perché la Toyota Mirai è un’auto rarissima, di cui vengono prodotte artigianalmente soltanto 2-3 unità al giorno, in Giappone. Ma anche perché un giro a bordo del primo modello di serie a idrogeno della Toyota è un breve balzo in un futuro (diciamo almeno 2030) in cui, a detta della maggior parte dei costruttori, le automobili elettriche per le lunghe percorrenze produrranno la corrente direttamente bordo, a partire dall’idrogeno.

Toyota Mirau interno

Guidare la Mirai, però, per me ha avuto anche un altro significato: mi ha permesso di toccare con mano il fatto che la tecnologia delle celle a combustibile è pronta ad arrivare sulle nostre strade. Se quando pensate all’auto a idrogeno vi immaginate una specie di navicella spaziale su ruote, vi sbagliate: per quanto traspare al guidatore, la Mirai è un’auto normalissima. Ha un aspetto un po’ bizzarro, è vero, ma per il resto si avvia come una qualsiasi auto moderna (premendo un tasto) e si guida come qualunque automatica. È decisamente più silenziosa di un’auto a benzina, altrettanto scattante, ma un po’ meno spaziosa all’interno, perché su un’auto di cinque metri si sta comodi in quattro: colpa delle due grosse bombole d’idrogeno posizionate sotto i sedili posteriori e nella parte bassa del bagagliaio. A ridurre il volume utile ci sono anche il pacchetto delle fuel cell (nel pavimento) e una batteria posteriore, che serve ad accumulare l’elettricità prodotta in eccesso fino a quando non viene richiamata da un’accelerata decisa.

Toyota Mirai idrogeno schema

L’unico vero ostacolo alla messa in commercio delle auto a fuel cell, oggi, non è di tipo tecnico, ma infrastrutturale. La Mirai è già in vendita in Giappone, ed entro fine anno arriverà anche in CaliforniaEuropa, ma solo in zone selezionate – nel Vecchio Continente, alcune aree metropolitane di Regno Unito, Germania e Danimarca – in cui siano presenti i distributori d’idrogeno. Già, perché l’idrogeno sarà pure l’elemento più diffuso sulla Terra, ma per metterlo nel serbatoio servono molti passaggi: innanzitutto, bisogna separarlo dagli altri elementi cui si lega, e per farlo serve energia (idealmente, prodotta da fonti rinnovabili). Poi bisogna stoccarlo ad altissima pressione e distribuirlo alle vetture. Negli Stati Uniti, dove la Mirai andrà in vendita a un prezzo di 75.500 dollari, esistono 40 stazioni, di cui più della metà sono situate in California. Infatti, le due Mirai che giravano per Manhattan nei giorni del Salone sono arrivate con il pieno di idrogeno. E di fare rifornimento nella Grande Mela, come mi ha spiegato il tecnico Toyota che mi ha accompagnata nel mio breve test drive, non c’era speranza. “Ma stia tranquilla, abbiamo più di 300 miglia (480 km) di autonomia con un pieno”.

Toyota Mirai specchiata


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renault Zoe, più autonomia e prezzo scontato. Sperando di vendere meglio

prev
Articolo Successivo

Batterie o idrogeno? La battaglia (a suon di sberleffi e bullsh*t) fra Toyota e Tesla

next