Affari e appalti pubblici gestiti come cosa propria, con un giro non di soldi ma di favori. Una rete sottilissima di contatti, secondo i magistrati, ha unito per anni paesi distanti anche centinaia di chilometri in Sardegna. Dal Nuorese, al Sulcis, passando per il Cagliaritano. Coinvolti sindaci, i loro vice, alcuni assessori, consiglieri, tecnici dei Comuni e professionisti: un gruppo, ben collaudato, definito una ‘cupola’, con appartenenze bipartisan e in gran parte eletto nelle fila di liste civiche. Per questo sono state arrestate, in carcere e ai domiciliari, 21 persone, tra cui cinque primi cittadini: la maxi operazione congiunta della Finanza e dei carabinieri è in corso dall’alba, disposta dalla Procura di Oristano e coordinata dal procuratore Andrea Padalino Morichi. L’accusa è associazione a delinquere finalizzata a pilotare gli appalti, a 14 persone è contestata la turbativa d’asta e la corruzione. 

La testa in Barbagia, infiltrazioni nei municipi – In ballo c’erano oltre 40 appalti che spesso finivano alle solite ditte o ai soliti professionisti (società di progettazione e consulenza): in cambio, chi favoriva l’assegnazione agli amici degli amici, riceveva lavori gratuiti e, appunto, favori. Il sistema prevedeva, appunto, dei premi con un tempismo a orologeria. E il gruppo riusciva a gestire così le gare e i lavori da un centro all’altro. Le indagini sono partite dal Nuorese, da un piccolo paese della Barbagia, ritenuto il centro operativo dell’organizzazione che è riuscito a insidiarsi, con successo, fin nel Sulcis e in alcuni paesi del Cagliaritano, sulla costa ovest. Anche piccoli centri con poche migliaia di abitanti, increduli alla notizia.

La rete – Quindici in tutto i Comuni coinvolti, in cui sono state fatte diverse perquisizioni: quelli di maggior peso sono Cagliari, Quartu Sant’Elena e Nuoro. Seguono altri: da Desulo (Nuoro) a Sant’Antioco. Nel Cagliaritano, San Vito e Villasalto (ai domiciliari il sindaco Leonardo Usai, in carcere il vice, Franco Cotza, un carabiniere). In cella anche i primi cittadini di Tonara e Belvì, nel Nuorese, rispettivamente Pierpaolo Sau e Rinaldo Arangino; il primo cittadino di San Giovanni Suergiu, Federico Palmas, e di Ortueri (ai domiciliari, Salvatore Casula). In carcere anche i titolari di alcune società, come Paolo Pinna, 62 anni di Desulo (Nuoro), rappresentante della Essepi Engineering srl – ritenuto il manager della “cupola” – e Francesco Chessa, 56 anni di Irgoli (Nuoro), rappresentante della Ediligica srl.

Un’inchiesta anticorruzione su vasta scala – Un sistema complicato ricostruito dagli inquirenti sulla base di alcuni movimenti sospetti. Un’inchiesta nata nel 2013, soprattutto grazie a un esposto anonimo arrivato in Procura sull’esecuzione dei lavori del centro storico di Aritzo, paese di montagna del Nuorese che, come altri negli ultimi anni, ha rimesso in sesto strade e scorci. La spartizione degli appalti sarebbe stata gestita da una mente nuorese, rintracciata nella figura dell’ingegnere Pinna, con molti contatti e carte da giocare presso gli amministratori pubblici che, secondo le accuse, hanno dato udienza e ascolto. Col risultato di avere bandi su misura e appalti assegnati in partenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ciro Esposito, Daniele ‘Gastone’ De Santis rinviato a giudizio per omicidio volontario

next
Articolo Successivo

Terremoto L’Aquila, crollo Casa dello Studente: confermate le condanne

next