“Quanto prende lei? Quanto prende lei?”. “Io prendo 1 milione, 1 milione 200 ….”. E l’ad di Poste Francesco Caio non è riuscito più a dire più nulla. Urla, accuse, proteste, insulti. Il tutto a decibel altissimi. Pesante contestazione per Francesco Caio, dal maggio 2014 amministratore delegato e direttore generale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Nel video di qualche giorno fa pubblicato su youtube si vede un dipendente  al centro di produzione di  Milano criticare la politica industriale del manager. E non solo quella, visto che la rabbia espolode soprattutto quando si parla del superstipendio dell’ad.

“I mezzi non ci sono”  grida in faccia il dipendente a Caio. “Avete detto 8mila assunzioni, tutto un mare di cazzate”. E poi: “Non c’è sicurezza, non c’è niente, siete qui da un anno e avete affondato l’azienda, ha riportato l’azienda a venti anni fa. I soldi dove sono? Le assunzioni dove sono? Non ne avete azzeccata una in un anno, vi dovrebbero cacciare a calci per i soldi che prendete”. Quindi la domanda rabbiosa del dipendente sul maxi compenso. Poi le urla. Caio è portato via per evitare conseguenze peggiori.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editoria: al Secolo d’Italia 69 milioni di euro dei contribuenti in 24 anni

next
Articolo Successivo

Italicum, è caccia al voto a Montecitorio: Verdini in soccorso dell’amico Renzi

next