Era il 12 gennaio 2015 e, dopo 4 anni anni di lavori di ristrutturazione (costati 2 milioni di euro, la città finalmente restituiva gli spazi dell’Istituto Enrico Pessina ai suoi studenti. Alla cerimonia erano presenti il sindaco Gianfranco Coppola, il vicesindaco e tutti gli assessori competenti. Oggi, dopo il crollo dell’intonaco del soffitto di un’aula che ha provocato il ferimento di due studenti, le parole dell’assessore ai Lavori pubblici Paolo Pinna fanno impressione:  “La scuola è perfettamente funzionante. Quattro anni di chiusura e tanti soldi pubblici spesi, finalmente rivede la luce. E’ un motivo di orgoglio per questa amministrazione”  (video tratto dal canale Youtube di Ostuni Notizie)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ostuni, crolla il soffitto di una scuola: due bimbi e una maestra in ospedale

prev
Articolo Successivo

Ostuni, l’azienda che ha ristrutturato la scuola: “Intonaci fuori da appalto”

next