Dopo la denuncia de Il Sole 24 Ore e ilfattoquotidiano.it, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti fa marcia indietro sul “contributo di solidarietà” a carico di datori di lavoro e autonomi previsto per coprire eventuali buchi nelle coperture del decreto sulla stabilizzazione dei co.co.pro. “La clausola di salvaguardia inserita nel decreto di riordino delle tipologie contrattuali verrà superata prima della definitiva approvazione del provvedimento”, informa infatti Poletti in una nota. “La clausola risponde ad un principio di cautela sugli oneri che potranno derivare dal provvedimento, le cui coperture sono comunque ampiamente sufficienti. Per questo motivo è altamente improbabile che la salvaguardia possa scattare. In ogni caso, per evitare preoccupazioni e possibili fraintendimenti, posso affermare che la clausola verrà superata prima della definitiva approvazione del decreto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs Act, nel decreto su riordino contratti spunta il “contributo di solidarietà”

next
Articolo Successivo

Amianto: gli architetti devono morire di fame o di mesotelioma?

next