Case agli Italiani” si legge scritto a caratteri cubitali sulla porta dell’asilo di via Pinelli a Torino. La scuola è stata occupata da una decina di famiglie con il supporto di Soccorso Tricolore, associazione di destra legata al consigliere regionale Maurizio Marrone, Fratelli d’Italia. L’istituto era chiuso da anni e in attesa di essere dismesso, al suo interno ci sono diversi manufatti in amianto. Gli occupanti, che non vogliono essere ripresi in viso, sono disperati: “non lavoro da quattro anni, meglio qui che per strada”. La rabbia si convoglia tutta contro gli stranieri: “A  loro danno le case, mentre noi dormiamo in macchina”. Si tratta dell’ennesima occupazione abitativa in città, Soccorso Tricolore ha preso un palazzina in zona Lingotto da oltre due anni nella quale adesso vivono diverse famiglie. Proprio a due passi dall’ex Villaggio olimpico dove oltre 600 richiedenti asilo hanno occupato 4 palazzine  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia Capitale, Tecce vs Marino: ‘Vada a vedere le topaie dei Totti che Comune paga oro’

prev
Articolo Successivo

Padova, padre uccide la figlia con un colpo di pistola. Poi si toglie la vita

next