“Ho provato dolore. Il killer non lo so se è pazzo, a me pare una persona che ha voluto fare coscientemente quel che ha fatto”. Sono le parole di Antonio Di Pietro a commento della tragedia al tribunale di Milano. “Provo anche sconcerto per l’ipocrisia di chi parla di falla” – continua – “Lo sanno tutti che è un colabrodo, basta un tesserino per entrare. E invece dovrebbe essere come un aeroporto. Non so se Giardiello, l’assassino del tribunale di Milano, è un pazzo. Ma il problema vero è la falla nel sistema di sicurezza del tribunale”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Santoro: “I mostri li sappiamo vedere solo quando vengono da lontano”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Di Maio (M5S): “Il governo stesse zitto, non sa gestire sicurezza cittadini”

next