“Ormai non c’è più nulla da grattare”. Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e renziano, commenta così la polemica tra Piero Fassino, presidente dell’Anci, e il premier Matteo Renzi sui tagli ai Comuni. In attesa del Def, Documento di economia e finanza, che sarà approvato dal Consiglio dei ministri di venerdì, il sindaco di Torino aveva attaccato il governo dicendo basta ai tagli da parte dell’esecutivo. Dal teatro Franco Parenti di Milano, che ospitava l’evento “In una città del futuro. Sindaci smart e imprenditori del digitale a confronto”, il primo cittadino bergamasco sostiene che i Comuni “abbiano già dato” e che serva “un trattamento più equilibrato, che coinvolga i corpi centrali dello Stato, più refrattari a una cura dimagrante in questi anni”. Eppure il collega Dario Nardella, sindaco di Firenze, è convinto che ancora una volta debbano essere i sindaci a tirare la cinghia: “C’è da fare un lavoro tra i Comuni, ognuno deve fare sacrifici”  di Stefano De Agostini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Spesa dei comuni: Fassino cieco, Renzi sordo e i giornalisti muti

prev
Articolo Successivo

Commercio mondiale: il Ttip e il ruolo della Regione Sardegna

next