Da Piazza San Pietro Papa Francesco lancia un nuovo appello contro le persecuzioni dei cristiani, “esiliati, uccisi, decapitati” in tutto il mondo per la loro fede religiosa. Loro – ha detto Bergoglio durante il Regina Coeli davanti a migliaia di turisti e fedeli – “sono i nostri martiri di oggi e sono tanti, possiamo dire che siano più numerosi che i primi secoli”.

Poi è tornato a chiamare in causa la Comunità Internazionale che non deve voltare “lo sguardo dall’altra parte” e restare “muta e inerte di fronte a tale inaccettabile crimine“, che il pontefice definisce una “preoccupante deriva dei diritti umani”, riferendosi alla mattanza di studenti compiuta in Kenya dai terroristi islamici di Al Shabaab.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, fermato latitante turco: “E’ un terrorista, reclutatore per la Dhkp-C”

next
Articolo Successivo

Maltempo, a Pescara frana muretto dell’asse attrezzato. “Sembrava un terremoto”

next