Quando abbiamo deciso di confrontare chi guarda Crozza (“nel Paese delle meraviglie”) rispetto ai fan di Gregoraci&C (“Made in Sud”) ci aspettavamo forti differenze per varie ragioni e tra le diverse regioni. Le ragioni stanno nel fatto che lo spettacolo di Crozza è pensato per strizzare ambedue gli occhi agli appassionati della politica e della sua serialità narrativa, quelli che ne sanno tutto, e tutto ne immaginano, e quindi sono pronti al riso più o meno amaro. Made in Sud si basa sulla struttura semplice ed efficace che trova il progenitore nell’Avanzi dei primi anni ’90 nella versione Dandini-Guzzanti, compresa Sabina prima che si volgesse al profetismo apocalittico. Comici che si susseguono, imitazioni e considerazioni estratte più dalle esperienze di consumo di comunicazione della platea (da qui il continuo riferimento ai personaggi della tv) che dal palco delle autorità. A dirla in breve, Crozza si prende gioco di “lor signori”; Made in Sud ci fa ridere del noi più immediato.

E passiamo al confronto, restringendolo ovviamente al segmento orario comparabile, che va dalle 21.30 alle 22.30 (in cui Crozza conquista l’8,1% di share contro il 10% di Made in sud), e prescindendo dal dopo, quando da Crozza è già calato il sipario, mentre al martedì Made in Sud prosegue fino a mezzanotte. Date le premesse relative al contenuto non meraviglia che la roccaforte auditel di Crozza sia costituita dagli uomini e dalle donne over 55 (e non per caso, perché si tratta delle generazioni cresciute a pane e politica) mentre Made in Sud domina alla grande nelle fasce di età più giovani e, specialmente, fra i giovanissimi, che di sicuro vivono la socializzazione attraverso la mediazione simbolica di tutte le figure che popolano lo star system locale, nazionale e internazionale.

Le differenze sul piano territoriale sono ovviamente clamorose: Crozza supera il 10% al Nord, dove Made in Sud non arriva al 3,5%. In compenso nel Sud e nelle isole è Crozza che scavalca a fatica il 3% mentre Gregoraci arriva al 19% (sic) grazie particolarmente al 36% tributato dalla Campania. Insomma, non solo il programma (realizzato a Napoli), ma anche il pubblico è made in sud.

Passiamo alle aristocrazie: l’elite femminile preferisce Crozza, anche se non disdegna la compagnia meridionale. I laureati seguono Made in Sud quanto basta, mentre si concentrano avidi su Crozza che, in fondo, è proprio a loro che parla. Mentre c’è una categoria che non fa differenze, anche se è imbarazzante scriverlo per via del nome-definizione che le hanno assegnato i sociologi: il “maschio preculturale”, il Neanderthal della comunicazione, che assegna un equo 8% ad ambedue i programmi. Che in questo, finalmente, si assomigliano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tv, più cresce il numero di spettatori a pranzo più sale la disoccupazione

next
Articolo Successivo

Rai, tra avvicinamento ai giovani (prima snobbati) e “mutazione editoriale”

next