Davide Di Martino, 50 anni, è stato fermato dopo una lunga perquisizione nella sua abitazione nel quartiere delle Piagge di Firenze. Il 29 marzo scorso non lontano, era stato trovato il cadavere di Irene Focardi, chiuso in un sacco della spazzatura. Il procuratore capo di Firenze, Giuseppe Creazzo, ha illustrato gli sviluppi dell’indagine sull’omicidio della ex modella 43enne: “Gli inquirenti avevano maturato la convinzione che il Di Martino si sarebbe potuto dileguare” spiega Creazzo, che aggiunge: “Stiamo cercando un coltello di piccole dimensioni, ma la Focardi aveva il cranio sfondato“. In merito a Di Martino, il procuratore infine ha detto: “Era un soggetto pluripregiudicato, in passato condannato per maltrattamenti a carico della stessa Focardi, che nonostante questo aveva cercato di mantenere con lui il rapporto”  di Max Brod

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, vigili vs rom: spray e pistola spianata degli agenti. Il video

prev
Articolo Successivo

Muos, procura ordina il sequestro del sistema di comunicazioni militari Usa

next