Doppia gaffe della deputata di Forza Italia Daniela Santanchè sul disastro dell’aereo Germanwings, costato la vita a 150 persone. Alle 00,41 del 26 marzo apre Twitter e scrive, con tanto di tre punti interrogativi: “Che origini hanno i piloti dell’autobus caduto???”. Una domanda provocatoria per alludere all’eventuale etnia dei piloti (che poi si è scoperto essere tedeschi, anche di origine). Ma la gaffe più evidente è però legata al mezzo responsabile dell’incidente. La deputata si riferisce all’airbus precipitato twittando “autobus caduto”. Complice il correttore automatico?

Nel frattempo sul social network il tweet della Santanchè è commentato (perlopiù in modo sarcastico) e ri-tweettato. Le risposte alla sua domanda non si placano, tra chi ironizza rispondendo “Esponenti della fazione Al Atac?” o “Da noi in Sicilia stiamo ancora agli autobus”, e chi invece si infastidisce per l’allusione: “Era un airbus… e avevano origini umane”. Tra gli utenti c’è anche chi ne approfitta per girare la vicenda sulla politica: “Chiedi ad Alemanno, forse sono parenti”. Un lettore “assicura” alla deputata che raccoglierà ulteriori informazioni: “Non so Daniè, quello della corriera è brindisino, ma ora gli chiedo le generalità e ti riscrivo”. Non mancano i commenti alterati, più per la domanda che non per l’errore: “Erano persone” e ancora: “Io mi concentrerei sulla sua allusione piuttosto che sul correttore”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come cambia la pubblicità in tempo di crisi economica

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “Se fossi Renzi”. Riguarda tutti i video della diciannovesima puntata

next