Primo incidente di un aereo low cost in Europa. A schiantarsi a Barcelonette, nel sud della Francia con 148 passeggeri a bordo è stato un aereo di Germanwings, la compagnia low cost tedesca controllata interamente da Lufthansa.

Nata nel 1997 come divisione di Eurowings, nel 2002 diventa un gruppo autonomo e nel 2008 arriva ad un passo dalla fusione con la stessa Eurowings e TUlfly per creare un colosso che potesse competere con Air Berlin sul mercato domestico e con EasyJet e Ryanair su quello internazionale. Fallito il progetto di aggregazione, Germanwings finisce sotto il completo controllo di Lufthansa a partire dal primo gennaio 2009.

A gennaio dello scorso anno, la flotta di Germanwings consisteva in 81 aerei, oltre a 4 in ordinazione e l’obiettivo di arrivare a oltre 90 nel medio termine: di questi, 42 sono A319, 17 sono A320 e 21 sono Bombardier CRJ900. Alle sue dipendenze oltre duemila lavoratori alla fine del 2013 e 15 collegamenti attivi dagli scali italiani, tra cui due di Milano, Roma Fiumicino, Napoli ed altri in diverse regioni italiane, da Alghero a Pisa, da Lamezia Terme a Venezia.

Complessivamente nel 2013 Germanwings ha trasportato circa 16 milioni di passeggeri, circa il doppio di quelli del 2012. La low-cost tedesca in passato ha adottato particolari colorazioni ai propri velivoli per promuovere alcune città della Germania, fra le quali Berlino o Amburgo, oppure società come T-Mobile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015 e inchiesta Incalza: Anac valuta monitoraggio su Palazzo Italia

next
Articolo Successivo

Fosse Ardeatine, Mattarella torna a onorare 335 morti. Renzi: ‘Non dimentico’

next