Sono arrivati a Genova intorno alle 12, all’aeroporto Cristoforo Colombo, con un volo charter proveniente da Palma di Maiorca i 132 croceristi della Costa Fascinosa che si trovavano in vacanza a Tunisi. Abbracci, qualche lacrima, occhiali scuri per nascondere lo stress e qualche imprecazione, come “una vacanza di merda” e poca voglia di parlare fra loro.  “Ero fuori dal Museo, avevo gli spari alle spalle, è stato terribile, sentivo gli spari e che dentro stava avvenendo una tragedia“. E’ la testimonianza di una ragazza scampata all’attacco terroristico al Museo del Bardo. “Ci hanno tenuto in disparte, hanno cercato di proteggerci poi – ha continuato – ci hanno fatto allontanare. In quei momenti ho pensato solo ai miei genitori ed avevo solo il desiderio di tornare a casa”. “Ci sono immagini che non si cancelleranno per tutta la vita, perché sono state terribili”, ha aggiunto un altro scampato. A Fiumicino, intanto, è atterrato un altro charter – proveniente da Palma di Maiorca, con 71 crocieristi e 18 di loro proseguiranno per Palermo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, rapina al supermercato: ferito un rapinatore. Il video della sparatoria

next
Articolo Successivo

Lupi, venditore Rolex: “Perotti cliente? Non posso rispondere. Vendiamo 100 modelli al mese”

next