Sono arrivati a Genova intorno alle 12, all’aeroporto Cristoforo Colombo, con un volo charter proveniente da Palma di Maiorca i 132 croceristi della Costa Fascinosa che si trovavano in vacanza a Tunisi. Abbracci, qualche lacrima, occhiali scuri per nascondere lo stress e qualche imprecazione, come “una vacanza di merda” e poca voglia di parlare fra loro.  “Ero fuori dal Museo, avevo gli spari alle spalle, è stato terribile, sentivo gli spari e che dentro stava avvenendo una tragedia“. E’ la testimonianza di una ragazza scampata all’attacco terroristico al Museo del Bardo. “Ci hanno tenuto in disparte, hanno cercato di proteggerci poi – ha continuato – ci hanno fatto allontanare. In quei momenti ho pensato solo ai miei genitori ed avevo solo il desiderio di tornare a casa”. “Ci sono immagini che non si cancelleranno per tutta la vita, perché sono state terribili”, ha aggiunto un altro scampato. A Fiumicino, intanto, è atterrato un altro charter – proveniente da Palma di Maiorca, con 71 crocieristi e 18 di loro proseguiranno per Palermo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bari, rapina al supermercato: ferito un rapinatore. Il video della sparatoria

prev
Articolo Successivo

Lupi, venditore Rolex: “Perotti cliente? Non posso rispondere. Vendiamo 100 modelli al mese”

next