Un grave incidente si è verificato sull’A4 in direzione Torino poco prima della barriera di Milano Est, ad Agrate (Milano), intorno alle 10. Lo schianto è avvenuto tra due camion e un pullman che trasportava una scolaresca veronese. Cinquanta le persone coinvolte. Il 118 ha attivato una “procedura di maxiemergenza“. Secondo quanto riferito dalla Polizia stradale della Lombardia ci sarebbero solo feriti lievi.

Sul posto ci sono diverse ambulanze, due automediche e l’elisoccorso. 118 fa sapere che sono 14, in tutto, le persone ricoverate negli ospedali Niguarda, Cinisello e Vimercate, tra questi il conducente di uno dei tir rimasto incastrato in cabina e partito con un codice rosso, poi cambiato in giallo. Si tratta di un 42 enne residente a Saronno, che stando a quanto riportato dai soccorritori è sempre rimasto cosciente. 

Secondo la prima ricostruzione della dinamica dell’incidente da parte della Polizia stradale il pullman che trasportava gli studenti si è trovato tra i due tir. Uno di questi l’ha tamponato e il pullman è quindi andato a urtare un altro mezzo pesante che lo precedeva.

I quaranta studenti che si trovavano sul pullman noleggiato per la gita provengono tutti da un’unica scuola superiore, l’Istituto superiore statale Michele Sanmicheli di Verona. Si tratta di giovani che frequentano una terza e una quinta classe della scuola, che si occupa di formazione nei settori della moda, del commercio e del socio-sanitario.  Il gruppo, secondo quanto si è saputo, aveva in programma di visitare alcuni musei milanesi

La circolazione, interrotta per consentire i soccorsi, è stata riaperta su due corsie. Al momento ci sono 3 chilometri di fila, ma il traffico è in via di smaltimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roberto Helg, arrestato per estorsione il presidente Camera commercio di Palermo

next
Articolo Successivo

Roberto Helg: da paladino della legalità a estorsore

next