L’oleodotto che attraversa per 1.900 km il continente americano non s’ha da fare. Barack Obama ha posto il veto alla legge che autorizza la costruzione del controverso oleodotto Keystone Xl, progettato per trasportare le sabbie bituminose estratte in Canada fino al Golfo del Messico. “Poche leggi sono state approvate con tanta fanfara per morire così in fretta”, scrive oggi il Washington Post, sottolineando che è solo la terza volta che Obama pone il veto ad una legge durante la sua presidenza. Il veto, continua il giornale “espone la nuova realtà” cui si deve confrontare il presidente: “il controllo repubblicano del Congresso lo costringerà ora ad affrontare direttamente le critiche” e ha “spiegare la sua posizione al pubblico americano”.

Il veto, che Obama ha firmato poche ore dopo l’arrivo delle legge sul suo tavolo, era ampiamente previsto. Il capo della Casa Bianca ha sempre detto che spetta al governo decidere sull’oleodotto, in quanto attraversa una frontiera e incide sugli interessi nazionali. Il progetto, avversato dagli ambientalisti e in discussione da oltre cinque anni, prevede la costruzione di un oleodotto di 1900 chilometri per trasportare bitume dal Canada e trasformarlo in petrolio nelle raffinerie del Texas.

Il partito repubblicano, che ora controlla i due rami del Congresso, ha fatto di Keystone una delle sue principali battaglie politiche, spingendo per la sua approvazione malgrado la certezza del veto di Obama. Secondo i suoi sostenitori, fra cui vi sono anche dei democratici, l’oleodotto porterà 40mila nuovi posti di lavoro. Il presidente della Camera, John Boehner, ha definito il veto “una vergogna nazionale” accusando Obama di farsi influenzare da “ecologisti estremisti“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rio de Janeiro, la protesta contro la violenza della polizia finisce nel sangue

prev
Articolo Successivo

Metanfetamine: in Cina è boom di produzione, consumo ed esportazione

next