Concitata polemica tra Andrea Scanzi e Daniela Santanchè durante “Otto e mezzo”, su La7. Il tema del dibattito, che coinvolge anche lo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun, riguarda l’Islam e l’integrazione con l’Occidente. Drastica l’opinione della deputata di Forza Italia che cita la Fallaci e osserva: “Qui c’è un’invasione, non si può tenere separata l’immigrazione dal terrorismo islamico“. La firma de Il Fatto Quotidiano, in collegamento da Milano, ribatte: “Esprimo solidarietà alla memoria di Oriana Fallaci: come se non bastasse la pessima fiction, ci mancava il tributo dell’onorevole Santanchè. Sono un po’ divertito dalla discrepanza tra una ‘politica’, per dirla con eufemismo, e Ben Jelloun, un intellettuale che ha scritto dei libri straordinari, libri che insegnerei anche nelle scuole, come “Il razzismo spiegato a mia figlia”“. La polemica si infiamma, Scanzi sciorina le gaffe della Santanchè che accusa il suo interlocutore di insultarla e ribatte: “Sono tutte medaglie al merito, così ho più voti”. “Se mi fa terminare, mi fa un grande regalo” – replica il giornalista – “Onorevole Santanchè… chiedo scusa per le parole “onorevole” e “Santanchè”… Onorevole Darth Vader, non mi interrompa. Può squittire tranquillamente dopo la pubblicità“. “Squittire lo dice a sua madre o a sua sorella e dica meno cazzate“, insorge la deputata, che poi si scontra con Ben Jelloun, da lei accusato di essere ‘un intellettuale da salotto’ e sostenitore del multiculturalismo. Scanzi al termine della trasmissione si rivolge allo scrittore: “Per fortuna di questo Paese non tutti gli italiani la pensano come l’onorevole Santanchè. Spesso questo popolo è molto più bello di coloro che teoricamente dovrebbero rappresentarlodi Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza su Jobs Act: “I datori di lavoro non erano così felici dai tempi di Kunta Kinte”

next
Articolo Successivo

Scanzi vs Santanchè: ‘Non interrompa, squittisca dopo’. ‘Lo dica a sua madre’

next