Il capo dello Stato Sergio Mattarella ha avviato le procedure necessarie per la nomina del dottor Ugo Zampetti a segretario generale della presidenza della Repubblica. Zampetti eserciterà le sue funzioni senza compenso alcuno: Zampetti ha lasciato da poche settimane l’incarico di segretario generale della Camera dei deputati che aveva ricoperto per 15 anni. Il nome dell’ex capo della macchina amministrativa di Montecitorio era stato da subito nel “totonomi” per salire al Quirinale. Succederà a Donato Marra, segretario generale durante i due mandati di Giorgio Napolitano: il presidente della Repubblica ha preso atto della sua indisponibilità a continuare e, “considerato il gravoso impegno profuso nei quasi nove anni di presidenza” di Napolitano, lo ha ringraziato per la collaborazione prestata nel corso della fase di transizione.

Sarà invece Daniele Cabras, consigliere parlamentare e ex capo di gabinetto di alcuni ministri come Rosy Bindi e Fabrizio Saccomanni, il nuovo direttore dell’ufficio della segreteria generale del Colle. Cabras ha ricoperto il ruolo di capo di gabinetto di Mattarella nelle esperienze di quest’ultimo da vicepresidente del Consiglio e ministro della Difesa nei governi D’Alema e Amato, tra il 1998 e il 2001.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, l’Italia ripudi la guerra

prev
Articolo Successivo

M5S, Di Battista finisce sul New York Times tra i politici “ballisti”

next