Magliette che si trasformano in tavole imbandite con i colori delle pietanze di alcuni degli chef più rinomati a livello italiano e internazionale e che diventano il mezzo per un connubio made in Italy tra arte, moda e cucina in nome della solidarietà. Sono le 12 t-shirt del progetto “Mise en Place”, che vede in prima fila grandi nomi della ristorazione capitanati dal vulcanico Joe Bastianich, star dei ristoranti e della tv con il suo ruolo di giudice nella trasmissione “MasterChef”.

Bastianich, in collaborazione con la fashion designer Chiara Mosti, con “Mise en Place” ha creato un vero viaggio tra i sapori d’Italia che partendo dai mercati rionali passa attraverso i piatti tipici delle regioni della Penisola fino all’alta cucina dei maestri dei fornelli. E per compiere questo percorso ha chiesto a 12 grandi chef di autografare delle magliette su cui sono riprodotti artisticamente piatti e ingredienti iconici che li rappresentano. All’appello hanno risposto Moreno Cedroni (che ha apposto la sua firma su una t-shirt rappresentante una seppia blu), Antonino Cannavacciuolo (insalata liquida di riccia, stracciatella di bufala, crudo di scampi, trucioli di pane e acciughe), Carlo Cracco (verdura e frutta essiccate), Enrico Crippa (insalata di Trusot), Gennaro Esposito (tagliatelle con broccoli e ricci di mare), Gualtiero Marchesi (dripping al nero di seppia e ricci di mare), Norbert Niederkofler (apple strudel), Davide Oldani (risotto D’O), Italo Bassi e Riccardo Monco (doppio petto di piccione con piselli alla menta e salsa ai fegatini), Niko Romito (misticanza), Davide Scabin (Cyber Egg) e Viviana Varese (carpaccio fantasia). Alle loro magliette si aggiunge quella dedicata a Joe Bastianich che rappresenta dei piatti in frantumi.

A dare ulteriore valore a questa iniziativa è la finalità filantropica. Infatti le magliette, che sul retro riportano anche una frase significativa scelta dagli chef, sono state messe all’asta (aperta l’8 febbraio e che si concluderà il 20 dello stesso mese) sulla piattaforma online CharityStars; sullo stesso sito è possibile acquistare anche un’installazione artistica che racchiude, in cornici artigianali, tutta la serie limitata autografata dagli chef . Ed il ricavato delle vendite sarà interamente devoluto alla onlus italiana Mani Tese che dal 1964 lavora per combattere la fame e gli squilibri tra nord e sud del mondo. Finora sono già stati raccolti circa 2mila euro: «Sono orgoglioso di aver trovato tanto appoggio e sostegno dai nostri compagni di viaggio – dice Bastianich – 12 chef riconosciuti a livello mondiale per la loro cucina, senza di loro non sarebbe stato possibile realizzare Mise en Place». Una soddisfazione condivisa dai partecipanti, come testimoniano le parole di Davide Scabin: «Mi fa davvero piacere partecipare a questa iniziativa. Specialmente ora, in un momento in cui gli chef sono diventati personaggi pubblici molto popolari, possiamo usare questa popolarità con uno scopo solidale».

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

We Can Do It, in Svezia la birra la fanno le donne

next
Articolo Successivo

Barbera, da luglio 2016 le prime bottiglie di Nizza Docg

next