“La probabilità è zero”. Il ministro dell’economia tedesco e vice cancelliere Sigmar Gabriel chiude alle richieste di risarcimento dei danni perpetrati dai nazisti durante la Seconda Guerra mondiale avanzata nei giorni scorsi dal premier greco Alexis Tsipras. “Credo non abbia senso”, ha detto, “perseguire questa soluzione”. Come ricordato dal ministro, le questioni legali sulla responsabilità di risarcimento della Germania sono state definitivamente stabilite nel Trattato sulla riunificazione del Paese.

Nei giorni scorsi, il ministro dell’Economia Yanis Varoufakis aveva provocato proprio il governo Merkel sulla questione: “La Germania”, aveva detto, “sa bene che cosa può succedere quando si scoraggia troppo a lungo una nazione orgogliosa e la si espone a trattative e preoccupazioni di una crisi del debito deflattiva, senza luce alla fine del tunnel: questa nazione prima o poi fermenta”.

La cancelliera Merkel era nelle scorse ore negli Stati Uniti e durante una conferenza stampa ha ribadito la posizione intransigente nei confronti del governo greco: “La Grecia faccia delle proposte sostenibili e le presenti”. E ha poi aggiunto che Berlino vuole che Atene “rimanga un membro dell’eurozona e rispetti le regole”. In vista della prossima riunione dell’Eurogruppo, ha detto ancora Merkel, “conterà ciò che il Paese metterà sul tavolo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lista Falciani, l’odissea del ramo greco da 25 miliardi di euro

prev
Articolo Successivo

Grecia, i rischi della nuova crisi

next