La Brigata Kalimera non abbandona Alexis Tsipras. Dopo l'”esodo” ad Atene durante le elezioni, a Roma un centinaio di militanti (con bandiere di Rifondazione comunista e L’Altra Europa con Tsipras) si sono riuniti in un sit-in sotto la sede della Banca d’Italia di via XX settembre per protestare contro la stretta della Banca centrale europea nei confronti del nuovo governo ellenico. “Tsipras è sotto ricatto – una delle parole d’ordine della manifestazione – e Renzi è passato subito dal regalo della cravatta a fare il tifo per i cravattari”. Tra i “brigatisti”, come d’abitudine, c’era anche il segretario di Rifondazione Comunista, Paolo Ferrero: “Sosteniamo Tsipras – ha detto – perché se passa la linea del governo greco, passa in tutta Europa il rovesciamento dell’austerità. Renzi oltre ad aver dimostrato di nuovo di essere un bugiardo, ha scelto di stare, con la Merkel e Draghi, dalla parte degli speculatori, contro i popoli europei”. Stefano Rodotà, che è stato uno dei firmatari dell’appello “Cambia la Grecia, cambia l’Europa”, non ha usato parole dolci per i dirigenti della sinistra radicale italiana. “Penso che Rodotà sia stato troppo tranchant – replica Ferrero – ma siamo d’accordo sul fatto che bisogna tirarsi su le maniche per ricostruire una sinistra degna di questo nome in Italia”  di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ucraina, Hollande e Merkel al Cremlino. E Lady Pesc Mogherini è tagliata fuori

prev
Articolo Successivo

Ucraina, Merkel: “Colloqui con Mosca? Successo incerto”. Hollande: “Senza accordo, unico scenario è la guerra”

next