Sette giorni per festeggiare birre e birrifici artigianali di qualità: da lunedì 2 a domenica 8 marzo si svolgerà la quinta edizione della Settimana della Birra Artigianale. Lo scopo è celebrare le realtà più interessanti del settore, quelle italiane e quelle estere. All’evento possono partecipare proprietari di pub o birrifici, membri di associazioni di promozione birraia e in generale chiunque lavori ogni giorno utilizzando prodotti provenienti da microbirrifici italiani o stranieri.

Nata da un’idea del sito Cronache di Birra, la manifestazione ha lo scopo di sostenere un settore in forte ascesa, rivolgendosi ad appassionati e curiosi offrendo a tutti l’occasione di partecipare alla promozione del mondo delle birre prodotte artigianalmente. All’edizione 2014 hanno aderito oltre 500 realtà e sono stati proposti 376 eventi e 345 promozioni.

Iscriversi è completamente gratuito ed è possibile farlo sin da ora: sono infatti aperte ufficialmente le adesioni alla Settimana della Birra Artigianale 2015. Anche quest’anno sono attese centinaia di soggetti che in ogni parte d’Italia festeggeranno le birre artigianali con iniziative dedicate: degustazioni, promozioni, cene con abbinamenti, visite a birrifici, presentazioni delle novità del settore, mini festival. Per dare la propria adesione basta andare sul sito www.settimanadellabirra.it. Ciascun partecipante sarà libero di organizzare le singole iniziative senza alcun vincolo e ogni evento sarà promosso e raccontato in una pagina dedicata.

Nella settimana della festa i vari locali organizzeranno eventi in tema e proporranno ai clienti speciali promozioni. Accanto a pub e birrifici, possono partecipare anche beershop, ristoranti, bistrot, enoteche, associazioni di settore, siti di e-commerce. C’è solo una condizione per prendere parte alla grande festa della birra: il lancio di almeno una promozione e l’organizzazione, nei giorni dal 2 all’8 marzo, di almeno un evento incentrato sulla birra di qualità.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sex toys: uomini, amore e bambole gonfiabili

prev
Articolo Successivo

Viaggi: 15 destinazioni da visitare nel 2015

next