Finmeccanica incassa una commessa per 160 elicotteri da vendere ai russi di Rosneft. Il gruppo della difesa e dell’aerospazio partecipato dal ministero del Tesoro ha siglato una partnership strategica con il colosso petrolifero pubblico di Mosca e Rostec, produttore di armi, veicoli e apparecchiature militari controllato dal Cremlino e parte del gruppo KalashnikovL’intesa prevede che lo stabilimento moscovita di HeliVert, frutto di una joint venture tra la Russian Helicopters holding del gruppo Rostec e la controllata del gruppo italiano AgustaWestland, produca per Rosneft fino a 160 Aw189 di qui al 2025. Si tratta di elicotteri civili utilizzati per raggiungere le piattaforme petrolifere.

La lista delle relazioni d’affari di Rosneft e Rostec con aziende italiane continua ad allungarsi, dopo che l’anno scorso la prima ha conquistato il 20% della Saras dei Moratti e a marzo ha comprato il 13% di Pirelli, con cui Rostec svolge attività di ricerca congiunta per lo sviluppo di materiali per la costruzione di pneumatici. Tuttavia ora Rosneft non è più finanziariamente solida come un tempo. Il calo dei prezzi del petrolio, unito alle sanzioni occidentali e al crollo delle quotazioni del rublo, mette a repentaglio la redditività del business. E all’inizio di dicembre il governo di Mosca ha deciso di privatizzarne il 19,5%, riducendo la quota statale al 50,1%, dopo che la società la scorsa estate ha chiesto aiuto alle casse pubbliche per far fronte a un debito verso le banche e gli obbligazionisti che, secondo Bloomberg, ha raggiunto i 60 miliardi di dollari, arrivando a superare il valore di mercato.

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brebemi, in legge di Stabilità 300 milioni per l’autostrada “senza soldi pubblici”

prev
Articolo Successivo

Autostrade, ministero Trasporti: “Nel 2015 pedaggi più alti dell’1,32%”

next