I suoi cahiers de doléances sono tutti lì, su un foglio excel. Nero su bianco, trasparente, anche perché un documento non è una lamentela fine a se stessa se scrivi un bell’elenco dei reclami che hai inoltrato per davvero, in un anno, a Trenord. Carta canta, d’altronde. E Marco Guarneri, pendolare della tratta Mantova-Cremona-Milano, affida infatti alla penna – con la quale verga un quaderno delle lamentele, che costa fatica prendersi la briga di buttare giù – il disagio suo e di tanti pendolari che ogni giorno devono prendere il treno per andare al lavoro o a studiare a Milano.

Lo stato dell’arte di Trenord, l’azienda che gestisce il trasporto ferroviario regionale: frequente mancanza della carrozza prima classe (lui stesso ha un abbonamento in Prima), carrozze fredde e/o surriscaldate, porte mancanti, finestrini rotti. Senza contare ritardi di vario e genere, oltre ad ‘altre e eventuali’. Già perchè Guarneri i disservizi li ha catalogati, in modo da inviare reclami specifici all’azienda milanese. E ha provato a riepilogare i dati principali del servizio vissuto direttamente e quotidianamente, relativo alla tipologia di abbonamento. “Sono dati prettamente personali – premette – che pertanto non vogliono essere in alcun modo esemplificativi del servizio nella sua globalità”. Ma certamente aiutano parecchio a comprendere quello che Guarneri definisce il “fenomeno del servizio Trenord Mn-Cr-Mi”.

I numeri, sui circa 400 viaggi fatti fino ad oggi: 327 i reclami finora conteggiati (“ma alla fine dell’anno manca ancora una decina di giorni e sappiamo che sotto Natale i disagi si intensificano”); 114 perché non c’era la prima classe; 67 per carrozze fredde e/o surriscaldate, porte inagibili, finestrini rotti; 128 per ritardi (solo quelli superiori ai cinque minuti, altrimenti parleremmo di quotidianità); 18 per altre cause.
Ha tenuto traccia dei reclami e delle risposte (“quando sono pervenute”). Alcune si potrebbero utilizzare nei corsi di gestione aziendale: argomenti come customer care, rapporti cliente-fornitore, rapporti fornitori-subfornitori, gestione Kpi (gli indicatori di prestazione).

“Siamo nell’era di internet, ma per quanto riguarda i dati comunicati all’utenza, anche via sito, pare essere ancora all’età della pergamena”. I giorni di viaggio con almeno un reclamo sono stati 170, che equivale all’85%, mentre i viaggi con almeno un reclamo sono stati 261 (66%). Gennaio, giugno e settembre i mesi peggiori. Il ‘migliore’, si fa per dire, agosto, complice la riduzione delle corse. Il ritardo complessivo nell’anno è stato di 2.474 minuti, ovvero 41 ore e 14 minuti (Trenord ha decisamente superato il valore del 2012 di 35 e anche, ampiamente, quello del 2013 di 23). Capite bene che non è un mistero spiegarsi perché Legambiente ha annoverato la Cremona-Mantova tra le dieci peggiori arterie ferroviarie d’Italia. Con Trenord, inguaribile ottimista, che invece aveva definito molto più che diplomaticamente la situazione della tratta “non ottimale”. Alla faccia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Norman Atlantic: 10 morti, decine i dispersi. “Traghetto sotto sequestro”

prev
Articolo Successivo

Norman Atlantic, il rapporto “segreto” della Ue: “Traghetti vecchi e inadeguati”

next