Cinque anni fa, il 13 giugno 2009, Matteo Salvini intonava a Pontida lo slogan “Napoli merda, Napoli colera…”. Oggi il Sud è un serbatoio di voti importante per sostenere le campagne no-Euro e no-immigrati. Gli slogan anti-meridione finiscono nel cassetto e alla Camera viene presentato il simbolo di “Noi con Salvini“, il nuovo cartello elettorale della Lega Nord per raccogliere consensi sotto il Po. Addirittura gli attacchi al Sud vengono cancellati: “Non abbiamo mai contestato i cittadini meridionali, ma la politica del Sud, la Roma ladrona, la cattiva amministrazione”. 

A chi gli fa notare che nel nuovo simbolo manca il verde, colore del Carroccio da sempre, Salvini risponde secco: “Giallo e blu danno il verde”. Poi spiega di essere “imbarazzato” per il simbolo dove, in bella evidenza, fa capolino il suo nome. “Io credo nella squadra – dice – le megalomanie le lascio a Renzi”. La svolta è così descritta dal segretario: “Al centro del nostro progetto, che è un progetto di vita, prima che politico, vogliamo mettere il cittadino, l’essere umano. Per la sinistra c’è lo Stato e sotto la plebe, per noi ci sono i cittadini e sotto lo Stato. E vogliamo scommettere sul fatto che il cittadino sia una persona per bene”. Come fare per garantire liste pulite (problema che per la Lega, a dire il vero, si è manifestato più volte al Nord come hanno dimostrato i recenti scandali)? “Onestà e fedina penale sono i pre-requisiti per evitare rischi di infiltrazioni. Le esperienze politiche precedenti – prosegue – saranno valutate con attenzione”.

Sovrapposizione tra la nuova Lega e il Movimento 5 Stelle sull’opposizione alla moneta unica? Salvini nega: “Se Grillo vuole parlare seriamente del dopo euro noi ci siamo perché l’euro crollerà. Ha smesso di insultarci, e questa mi sembra una buona notizia. Ma il suo referendum contro l’euro resta una sola, una perdita di tempo”. E se per il segretario leghista “Renzi è una marionetta al servizio di Bruxelles”, l’attenzione è tutta per il futuro inquilino del Colle: “Mi auguro che al Quirinale non ci sia un servo di Bruxelles, un complice dell’Euro e dell’Europa, che permetta l’esproprio della sovranità italiana”.

Sul piano delle alleanze politiche, una sola certezza: il divietto di accesso per Alfano. “Dico no alle riedizioni di vecchie frittate. Per Alfano non c’è spazio, con tutto il rispetto di chi è al governo con Renzi. E’ complicato fare strada insieme con chi governa a metà con Renzi e vota la porcheria costituzionale che sta facendo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Riforme, Boschi: “C’è intesa con Fi. Italicum prima del voto per il Quirinale”

next
Articolo Successivo

Parma, viaggio istituzionale di Pizzarotti in Giappone. Esposto Pd a Corte dei Conti

next