A fare gli onori di casa ci saranno le aziende piemontesi, ma nella mostra dedicata all’eccellenza dell’artigianato made in Italy sono rappresentati tutti i prodotti del settore manifatturiero della Penisola. Si chiama infatti “I love IT” la manifestazione che per il quarto anno torna nella città di Torino. La mostra itinerante, dopo l’edizione di maggio al Castello di Moncalieri, porta nuovamente il meglio della manifattura italiana a Torino. Appuntamento nella Sala Mostre della Regione Piemonte in piazza Castello. L’esposizione, nata da un progetto frutto della collaborazione tra CNA Torino, Casartigiani e Confartigianato torinesi, rimarrà visitabile fino al 6 gennaio 2015.

Sono 27 le aziende partecipanti, dei settori cibo, moda e casa, con la cospicua presenza di quelle della regione ospitante. “Questi anni difficili – ha commentato l’assessore regionale alle attività produttive Giuseppina De Santis – hanno chiuso tante porte, ma ne hanno aperte tante nuove e dobbiamo sfruttarle mantenendo gli standard a cui siamo abituati ma cimentandoci in un mondo e con mercati sempre più grandi. Dobbiamo giocare sull’italianità“. Per il segretario Cna Paolo Alberti, che auspica di superare quest’anno i 7 mila visitatori, “il problema del Made in Italy è molto importante e occorrono leggi più precise per tutelare i prodotti realmente prodotti e non solo etichettati in Italia”.

La mostra-evento ha lo scopo di promuovere l’artigianato italiano sul mercato nazionale e internazionale, puntando l’attenzione sulla piccola impresa come protagonista dell’economia italiana e ambasciatrice della qualità del made in Italy nel mondo. Anche quest’anno “I love IT” viene allestita durante il mese delle feste natalizie rivolgendosi anche ai turisti che in occasione della mostra commerciale hanno la possibilità di conoscere le creazioni degli artigiani piemontesi e di acquistare prodotti, realizzati anche su misura, a chilometro zero.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“El Paés dei Presepi”, a Miola si rinnova la magia del Natale

prev
Articolo Successivo

Giochi, ‘footgolf’, a metà strada tra calcio e golf: un po’ inglese ma molto italico

next