Il blitz dei carabinieri del Ros a Sacrofano (Roma), dove Massimo Carminati è stato arrestato perché ritenuto a capo della cupola del malaffare di Roma Capitale negli anni dell’amministrazione Alemanno (2008-2013). Per l’ex terrorista dei Nar, già noto alla giustizia italiana, le manette sono scattate nei pressi della sua abitazione. L’azione mostra il momento in cui è stato fermato sulla sua Smart in via Monte Cappelletto, una stradina di campagna a Sacrofano, poco lontano dalla sua abitazione. L’ex terrorista era pronto a darsi alla fuga e per la cattura i carabinieri del Ros hanno chiesto la collaborazione del nucleo “cacciatori” dell’Arma di Roma

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia Capitale, Anticorruzione creerà un pool di esperti ad hoc su modello Expo

next
Articolo Successivo

Appalti Expo, annullati i domiciliari per presidente di Manutencoop Levorato

next