Il blitz dei carabinieri del Ros a Sacrofano (Roma), dove Massimo Carminati è stato arrestato perché ritenuto a capo della cupola del malaffare di Roma Capitale negli anni dell’amministrazione Alemanno (2008-2013). Per l’ex terrorista dei Nar, già noto alla giustizia italiana, le manette sono scattate nei pressi della sua abitazione. L’azione mostra il momento in cui è stato fermato sulla sua Smart in via Monte Cappelletto, una stradina di campagna a Sacrofano, poco lontano dalla sua abitazione. L’ex terrorista era pronto a darsi alla fuga e per la cattura i carabinieri del Ros hanno chiesto la collaborazione del nucleo “cacciatori” dell’Arma di Roma

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia Capitale, Anticorruzione creerà un pool di esperti ad hoc su modello Expo

next
Articolo Successivo

Appalti Expo, annullati i domiciliari per presidente di Manutencoop Levorato

next