C’è anche l’amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles Sergio Marchionne tra i 300 cittadini più ricchi della Svizzera, il cui patrimonio equivale, messo insieme, a 671,7 miliardi di franchi, pari a 540 miliardi di euro. L’equivalente del prodotto interno lordo dell’intero Paese. A scriverlo è la testata economica Bilanz, che ha inserito il manager italo-canadese nella lista degli elvetici più facoltosi e gli attribuisce una ricchezza di 300 milioni di franchi, ovvero quasi 250 milioni di euro. Bilanz ricorda i 10,8 milioni di euro incassati alla fine di ottobre grazie all’esercizio di 6,25 milioni di stock option sulle azioni di Fca e di Cnh Industrial (di quest’ultima Marchionne è presidente).

Accanto a Marchionne si trovano diversi imprenditori italiani, per esempio gli armatori napoletani Aponte della compagnia di navigazione Msc, con una ricchezza stimata tra i 9 e i 10 miliardi di franchi, e Tomaso Trussardi dell’omonima casa di moda, neo marito della conduttrice svizzera Michelle Hunzinker, con una fortuna di 300 milioni di franchi.

Sempre venerdì il presidente di Fca, John Elkann, ha negato che in Ferrari, prossima alla separazione dal resto del gruppo e guidata ora dallo stesso Marchionne, sia in vista un cambio di amministratore delegato. “Oggi c’è un vertice chiaro – ha detto Elkann – con Marchionne presidente e Amedeo Felisa amministratore delegato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Telecom Italia, Elio Catania a processo per abuso informazioni privilegiate

prev
Articolo Successivo

Evasione fiscale, 65 milioni di euro sequestrati agli eredi di Grossi

next