L’ex consigliere regionale lombardo di Forza Italia Massimo Gianluca Guarischi è stato condannato a 5 anni di reclusione per un presunto giro di tangenti nella sanità. Lo ha deciso il tribunale di Milano che lo ha condannato anche a versare come provvisionale di risarcimento un milione di euro alla Regione Lombardia, parte civile. In un altro filone della stessa inchiesta è indagato per corruzione l’ex governatore Roberto Formigoni, oggi senatore Ncd, al quale Guarischi avrebbe regalato viaggi e vacanze in cambio di un trattamento di favore nei finanziamenti regionali ad aziende sanitarie.

Guarischi, arrestato per corruzione nel marzo 2013, era, secondo l’accusa, una sorta di grimaldello per sbloccare i finanziamenti regionali a favore delle imprese del settore sanitario che versavano tangenti. In particolare, la procura ha contestato a Guarischi di essere riuscito a sbloccare due delibere della Regione Lombardia tra il 2011 e il 2012 che stanziarono finanziamenti per favorire la società Hermex in relazione alla fornitura di una apparecchiatura sanitaria, un cosiddetto acceleratore lineare usato per le malattie oncologiche. In particolare, sempre secondo le indagini dei pm Claudio Gittardi e Antonio d’Alessio, Guarischi avrebbe avuto un rapporto privilegiato con l’allora governatore Formigoni, per il quale avrebbe creato una “struttura di piacere” fatta di viaggi e vacanze. Formigoni, infatti, assieme all’ex assessore lombardo alla sanità Luciano Bresciani, è indagato per corruzione e turbativa d’asta in un filone dell’ inchiesta ancora aperto. Indagine che avrebbe accertato pagamenti di voli privati, per circa 65 mila euro, per una serie di vacanze trascorse da Guarischi, Formigoni e altre persone tra il 2009 e il 2013 in diversi luoghi, tra cui Croazia e Sudafrica.

Oggi la quarta sezione penale (presidente del collegio Oscar Magi) ha condannato Guarischi ad una pena anche più alta di quella chiesta dalla procura, perché i pm avevano chiesto 3 anni e 8 mesi di carcere, tenuto conto della recidiva di Guarischi, già condannato in un procedimento per dissesto idrogeologico. I giudici hanno disposto anche la confisca di 447 mila euro, ritenuti il presunto prezzo della corruzione, e hanno condannato l’ex consigliere al versamento di una provvisionale di un milione di euro a favore della Regione Lombardia, che si è costituita parte civile. I giudici hanno inflitto a Guarischi anche l’interdizione dai pubblici uffici (5 anni) e dalla pubblica amministrazione (2 anni). Inoltre hanno ordinato la trasmissione degli atti alla Procura per indagare sulle testimonianze rese da Luana Cazzato, amica di Formigoni e presente durante le vacanze di gruppo, e da un’altra testimone. L’altro imputato del processo, l’ex manager dell’ospedale di Sondrio Luigi Gianola, è stato assolto, mentre i pm avevano chiesto per lui la condanna a un anno e 6 mesi per turbativa d’asta.

La prova delle tangenti “non c’è mai stata, non è mai emersa”, ha commentato Guarischi. “Non so che cosa dire, mi aspettavo l’assoluzione”. L’ex assessore ha assistito in aula, insieme al suo legale, alla lettura del dispositivo. “È una condanna pesante, molto pesante”, ha commentato il difensore Michele Apicella. “Siamo abbastanza stupiti, non c’è la aspettavamo. Attendiamo di leggere le motivazioni, poi presenteremo ricorso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Expo 2015, la “cupola” patteggia: niente carcere per la “nuova Tangentopoli”

prev
Articolo Successivo

Processo Escort, D’Addario: “A cena a Palazzo Grazioli l’unica vestita ero io”

next