Massimo Artini, finito nel mirino del blog del fondatore del Movimento 5 Stelle insieme alla collega Paola Pinna, risponde all’accusa della mancata restituzione delle quote dello stipendio da parlamentare. “Sono molto tranquillo e aspetto il verdetto di stasera”, dice l’onorevole proprio mentre sul sito di Beppe Grillo è in corso la votazione sulla sua espulsione. E aggiunge: “A pensare male ci si azzecca. Io avevo fatto delle richieste precise al gruppo M5S” di Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, “assistente aveva contratto”: multa a Paglini e Bottici. “Falso, faremo ricorso”

next
Articolo Successivo

FI, volano gli stracci. Bianconi vs la giovane Sardone: “Parli come Razzi”

next