“Pensare che Juncker possa affrontare e risolvere il problema dell’evasione fiscale è altrettanto credibile che mettere Al Capone a capo della Commissione sicurezza ed etica“. Così Marine Le Pen, leader del Front National, durante il dibattito in Aula, a Strasburgo, sulla mozione di censura presentata dal gruppo Efdd del Movimento 5 Stelle e dell’Ukip (e appoggiata anche dall’estrema destra francese) dopo lo scandalo Luxleaks, commenta l’operato del presidente della Commissione europea. Jean-Claude Juncker viene accusato di essere stato il premier di una specie di paradiso fiscale nel cuore dell’Europa. “E’ il simbolo – dice la Le Pen – di un sistema che ha imposto l’austerità e la sofferenza economica, mentre il Lussemburgo non ha fatto pagare le tasse a 300 multinazionali privando l’Europa di risorse importanti”. A rincarare la dose, ci pensa David Coburn (Ukip):”Juncker dice di essere a favore della solidarietà in Europa. Sciocchezze, ha solo fatto fare tanti soldi al Lussemburgo”  di Alessio Pisanò

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs act, Camera approva testo. Fuori dall’Aula Fi, Lega, M5s e 40 deputati Pd

next
Articolo Successivo

Regionali 2014: M5S ha lasciato il campo ai due Matteo

next